lunedì 14 marzo 2011

I vermi conquistatori: traducendo l’Apocalisse

Volete sapere come ci si sente a tradurre il romanzo di uno dei migliori autori horror moderni, Brian Keene, e quali sono gli ostacoli, le difficoltà e le soddisfazioni che s’incontrano durante un lavoro del genere?
A due settimane dall’uscita de I vermi conquistatori per Edizioni XII, il romanzo apocalittico che tanto interesse ha suscitato tra gli appassionati negli ultimi mesi, faccio il punto sul lavoro di traduzione in un articolo che potete leggere sul blog di Edizioni XII.
Enjoy!



7 commenti:

  1. L'ho letto eh
    e ti ho apprezzato
    bravo
    sei stato bravo, davvero
    (ho leggiucchiato qualche capitolo in english, quindi lo dico con cognizione di causa)

    RispondiElimina
  2. e toglie il captcha, maledetto!
    è la mia nuova campagna bloggara
    "No ai blog del captcha!"

    RispondiElimina
  3. Grazie gelo, son contento tu abbia gradito! Aspetto la recensione!

    Aaaah, un captcha! Dove? dove?

    RispondiElimina
  4. Grande GIGI, son curioso di leggere la tua faticaccia. Anche perché il mio inglese non è così potente da farmelo gustare appieno in lingua originale.
    A presto Uomo!

    RispondiElimina
  5. No al nucleare e al captha! :)

    RispondiElimina
  6. Vai Munzic, attendo un tuo parere verminoso! :)
    Aaaah, i captcha, me ne stavo scordando, li ho tolti, li ho tolti ora!

    RispondiElimina
  7. Ti auguro un buon Natale e invito te e i tuoi lettori a partecipare alla scelta dei migliori film del 2012 sul mio blog.

    RispondiElimina